Munizioni 9x19 Parabellum sono da guerra

Le munizioni 9x19 parabellum con croce nato in uso alla polizia di stato dopo il decreto legislativo 204 del 2010 sono comuni o da guerra?

Risposta a cura dell'Avv. Adele Morelli

Il calibro 9x19 parabellum è considerato da guerra, come espressamente e specificamente sancito dall'art. 2, comma 2, L. n. 110/1975, il quale così recita: "Salvo che siano destinate alle Forze armate o ai Corpi armati dello Stato, ovvero all'esportazione, non è consentita la fabbricazione, l'introduzione nel territorio dello Stato e la vendita di armi da fuoco corte semiautomatiche o a ripetizione, che sono camerate per il munizionamento nel calibro 9x19 parabellum."; tale interpretazione è stata da ultimo confermata dalla recentissima sentenza Cass. Pen. n. 27750 del 27.5.2013 (dep. il 25.6.2013), la quale nella parte motiva spiega che la modifica apportata all'art. 2 L. n. 110/1975 dall'art. 5, comma 1, lett. a) D.Lgs. 204/2010, nel legittimare il calibro 9x19 parabellum esclusivamente per le armi destinate all'esportazione o alla dotazione delle Forze armate, non può che qualificare le stesse, "in mancanza di contraria previsione normativa", come armi da guerra. A ciò si aggiunga che, ai sensi dell'art. 1, comma 3, L. n. 110/1975, sono da considerarsi munizioni da guerra "le cartucce e i relativi bossoli, i proiettili o parti di essi destinati al caricamento delle armi da guerra": da ciò non può che desumersi che tutte le munizioni 9x19 parabellum sono da ritenersi da guerra, poiché, si ribadisce, il predetto calibro è ritenuto da guerra, e tale interpretazione è corroborata proprio dalla circostanza, peraltro indicata anche nel quesito, che le stesse sono in dotazione alle Forze armate (recano la croce Nato). A tal fine, la Cassazione ha in più occasioni rappresentato che "Per la configurazione del reato di detenzione di munizioni da guerra non è necessario che esse siano atte all'impiego, dovendosi prescindere dalla loro efficienza e considerare sufficiente la loro originaria destinazione" (tra le tante, Cass. Pen. sent. n. 35106 del 31.5.2011). Inoltre, come indicato dal citato art. 1, comma 3, L. n. 110/1975, ogni parte di una munizione da guerra, anche il bossolo, è da ritenersi munizione da guerra. La conseguenza di tali premesse è che la detenzione delle munizioni 9x19 parabellum è consentita esclusivamente ai seguenti soggetti, come previsto dall'art. 10 L. n. 110/1975: alle Forze armate e ai Corpi armati dello Stato, allo Stato e agli enti pubblici all'uopo preposti in relazione all'esercizio di attività di carattere storico o culturale, ai soggetti muniti di autorizzazioni per la fabbricazione di armi da guerra o tipo guerra o di munizioni da guerra per esigenze di studio, di esperimento o di collaudo. La violazione di tale prescrizione integra il reato di detenzione illegale di munizioni da guerra ed è punita con la reclusone da uno ad otto anni e con la multa da €3.000,00 ad €20.000,00, ai sensi dell'art. 2 L. n. 895/1967.

Avv. Adele Morelli 

scuola armieri

Scuola armaioli

Il TIMA è un corso facoltativo di durata triennale di IPSIA Beretta nato per unire il percorso scolastico alle richieste che offre il settore armiero in Valle Trompia.

Approfondisci
banchi di prova

Banchi di prova

Tutte le armi da fuoco dei Paesi aderenti alla CIP sono soggette a collaudo ed a certificazione tramite l'impressione dei Marchi dei Banchi di Prova dei rispettivi Paesi.

Approfondisci
Bando pubblico Work Up - percorsi formativi e tirocini per giovani

Bando pubblico Work Up - percorsi formativi e tirocini per giovani

Comunità Montana di Valletrompia, Civitas, Valli consorzio di Cooperative e Fondazione della Comuni…

Leggi la news