Termini per il rilascio della licenza di caccia e sollecito.

Sono un armiere titolare di licenze di vendita e di riparazione. Ho presentato richiesta di rinnovo del porto d’armi uso caccia alla mia Questura circa due mesi fa e oggi, al telefono, mi hanno riferito che, essendo il periodo estivo, non hanno disponibilità di personale e forse riusciranno a rinnovarmi il titolo solo tra un mese. Può esserci una strada per avere il rinnovo più velocemente, visto che la mia Questura mi consente di usare la licenza di caccia anche per il lavoro ossia in sostituzione dell’Avviso Trasporto Armi, per fare la movimentazione delle armi dell’armeria?

Risposta a cura dell’Avv. Adele Morelli

L'allegato al DPCONS 214/2012 prevede, per la licenza di caccia, che l'ufficio abbia fino a 90 giorni per lavorare la pratica. Se lei utilizza la sua licenza privata anche per fare movimentazione dei beni aziendali (alcune questure lo consentono, altre no), l'unica cosa che posso suggerire è di depositare una breve istanza scritta in cui si specifica che il titolo occorre per lavoro, del seguente tenore:

"Spett.le Ufficio, io sottoscritto .... nato a...., con riferimento all'istanza di rinnovo di ..... depositata in data..., consapevole delle difficoltà operative per l'ufficio stante la concomitanza delle ferie estive, sono ad avanzare preghiera di voler cortesemente lavorare la pratica e concedermi il rinnovo del titolo entro tempi brevi, poiché tale titolo di P.S. mi è spesso necessario per svolgere la mia attività lavorativa, nella qualità di ....
Con la massima osservanza...
data, firma"

Avv. Adele Morelli

Comunicazione dell’utente: “Ho inoltrato la comunicazione come da Vs. suggerimento e, dopo qualche giorno, la Questura mi ha rinnovato la licenza di caccia”.

scuola armieri

Scuola armaioli

Il TIMA è un corso facoltativo di durata triennale di IPSIA Beretta nato per unire il percorso scolastico alle richieste che offre il settore armiero in Valle Trompia.

Approfondisci
banchi di prova

Banchi di prova

Tutte le armi da fuoco dei Paesi aderenti alla CIP sono soggette a collaudo ed a certificazione tramite l'impressione dei Marchi dei Banchi di Prova dei rispettivi Paesi.

Approfondisci
Storica sentenza del Consiglio di Stato sull’art. 43 Tulps

Storica sentenza del Consiglio di Stato sull’art. 43 Tulps

Il Consiglio di Stato torna a occuparsi dei motivi ostativi al rilascio del porto d'armi, "scardina…

Leggi la news