Kit per cambio calibro

La conversione della Cinier in calibro 22 LR o di altra marca per altre armi, per il Norinco in 223 REM (M4), basta denunciarla o la stessa viene considerata un’arma e fa cumulo nella denuncia di detenzione? C’è per caso una normativa che dichiara che le conversioni non sono armi ma vengono considerate parti di arma e quindi vanno denunciate? 

Risposta a cura dell’Avv. Adele Morelli

Sul punto non c’è una normativa specifica di riferimento, per cui occorre fare buon uso della prassi degli uffici di P.S. consolidatasi nel tempo, che fa rientrare i cosiddetti “kit di conversione” come predisposti dal produttore nel concetto di “parte di arma” come citato dall’art. 38, comma 1, TULPS, a tenore del quale è dunque soggetto a denuncia di detenzione. Esso, in quanto parte di arma e non arma, non fa cumulo ai fini dei quantitativi di armi posti nella propria denuncia di detenzione, in quanto l’art. 10, comma 6, L. n. 110/1975, nell’indicare i limiti quantitativi detenibili, fa espresso riferimento alle armi (complete) e non alle parti di esse.

Avv. Adele Morelli

scuola armieri

Scuola armaioli

Il TIMA è un corso facoltativo di durata triennale di IPSIA Beretta nato per unire il percorso scolastico alle richieste che offre il settore armiero in Valle Trompia.

Approfondisci
banchi di prova

Banchi di prova

Tutte le armi da fuoco dei Paesi aderenti alla CIP sono soggette a collaudo ed a certificazione tramite l'impressione dei Marchi dei Banchi di Prova dei rispettivi Paesi.

Approfondisci
Bando pubblico Work Up - percorsi formativi e tirocini per giovani

Bando pubblico Work Up - percorsi formativi e tirocini per giovani

Comunità Montana di Valletrompia, Civitas, Valli consorzio di Cooperative e Fondazione della Comuni…

Leggi la news