Condanna per detenzione abusiva di munizioni e licenza di caccia

Dopo una condanna per detenzioni abusiva di munizioni ex art. 697 c.p., il porto d'armi uso caccia non verrà mai più rinnovato?

Risposta a cura dell’Avv. Adele Morelli

La condanna per detenzione abusiva di munizionamento non rientra tra le fattispecie assolutamente ostative al rilascio o rinnovo del porto d’armi elencate dall’art. 43 TULPS; tuttavia, una condanna di questo tipo può essere ritenuta dalla Questura motivo per sospendere o negare il rinnovo del PDA, poiché potrebbe essere venuto meno il requisito della buona condotta (artt. 10, 11 comma 2 e 43 ultimo comma, TULPS). Un diniego perpetuo del titolo è poco probabile, poiché la violazione non è caratterizzata da particolare gravità, ma una sua sospensione temporanea potrebbe essere plausibile.

Avv. Adele Morelli

scuola armieri

Scuola armaioli

Il TIMA è un corso facoltativo di durata triennale di IPSIA Beretta nato per unire il percorso scolastico alle richieste che offre il settore armiero in Valle Trompia.

Approfondisci
banchi di prova

Banchi di prova

Tutte le armi da fuoco dei Paesi aderenti alla CIP sono soggette a collaudo ed a certificazione tramite l'impressione dei Marchi dei Banchi di Prova dei rispettivi Paesi.

Approfondisci
Orario estivo CONARMI

Orario estivo CONARMI

Fino alla fine del mese di agosto, gli uffici del CONARMI saranno aperti con orario continuato dall…

Leggi la news