Quantità delle armi nella domanda di licenza per armeria

Sono un professionista antincendio incaricato della pratica di trasferimento di un esercizio di minuta vendita sostanze esplodenti e rivendita armi. Come da prassi, segue l'istanza di sopralluogo della Comm.ne provinciale esplosivi, la quale valuta il locale in ambito di prevenzione incendi e PS, e rilascia, in caso favorevole, verbale col quale si conferma la richiesta formalizzata in precedenza. Vi chiedo cortesemente quali criteri seguire per la quantificazione delle armi in domanda, ovvero se fossero in funzione della capacità degli armadi o altro.

Risposta a cura dell’Avv. Adele Morelli

Non vi è un criterio normativo da tenere in considerazione ai fini della quantificazione delle armi da tenere nei locali nell’ambito di un’attività legata ad una licenza professionale di P.S. (fabbricazione, assemblaggio, riparazione, vendita), ma la CTT ha ampia discrezionalità nel decidere il quantitativo da concedere in licenza. Sicuramente, un elemento tecnico da tenere presente è dato dalla capacità di stoccaggio delle armi dello spazio a ciò destinato (stanzetta blindata, caveau, armadio blindato, etc.) unitamente alla capacità produttiva dell’azienda (nel caso della fabbricazione, assemblaggio o riparazione, rilevano anche il numero dei dipendenti adibiti a tali attività ed il numero dei macchinari disponibili): nel caso posto nel quesito, ossia vendita al dettaglio, un elemento tecnico imprescindibile è sicuramente dato dalla capacità degli spazi destinati allo stoccaggio, ossia, trattandosi di armeria, volume dell’esercizio, spazi nelle rastrelliere e negli armadi e misure di sicurezza attive e passive adottate. Solitamente nella prassi il richiedente la licenza si accorda prima verbalmente con l’Ufficio Armi della Questura competente sul quantitativo in stoccaggio giornaliero massimo che l’ufficio stesso è orientato a concedere in sede di rilascio della licenza, cosicché l’istante indicherà nella proprio domanda già il quantitativo che verrà concesso.

Avv. Adele Morelli

scuola armieri

Scuola armaioli

Il TIMA è un corso facoltativo di durata triennale di IPSIA Beretta nato per unire il percorso scolastico alle richieste che offre il settore armiero in Valle Trompia.

Approfondisci
banchi di prova

Banchi di prova

Tutte le armi da fuoco dei Paesi aderenti alla CIP sono soggette a collaudo ed a certificazione tramite l'impressione dei Marchi dei Banchi di Prova dei rispettivi Paesi.

Approfondisci
Bando pubblico Work Up - percorsi formativi e tirocini per giovani

Bando pubblico Work Up - percorsi formativi e tirocini per giovani

Comunità Montana di Valletrompia, Civitas, Valli consorzio di Cooperative e Fondazione della Comuni…

Leggi la news