Ereditare A7 non qualificate come sportive

Mio padre è deceduto da poco ed io e mia madre, sue uniche eredi, abbiamo ereditato complessivamente 96 armi. Tra queste, vi sono diverse armi corte con capacità di fuoco superiore a 20 colpi e lunghe con capacità di fuoco superiore a 10 colpi, che mio padre acquistò almeno 15 anni fa, e che ad oggi risultano classificate come comuni in categoria A7 e per esse non è stata dichiarata la sportività. Sia in Questura sia in Caserma non hanno saputo dirci se possiamo ereditarle e cosa dobbiamo fare.  

RISPOSTA:

Risposta a cura dell’Avv Adele Morelli

Se a tali armi, con capacità di colpi maggiorata, non è nel frattempo stata attribuita la qualifica di sportive, per ereditarle è necessario prima portarle alla capacità di fuoco limitata come previsto per legge ossia massimo 10 colpi per le lunghe e massimo 20 colpi per le corte (cfr. art. 2, comma 2, L. n. 110/1975 come da ultimo modificato dal D.Lgs. n. 104/2018 e Circ. Min. Interno nr. 557/PAS/U/012678/10900(27)9 del 12.09.2018, pagg. 6-7 paragrafo “8. Disposizioni sulla capienza massima dei caricatori”) servendosi di operatore abilitato ossia armiere con licenza di riparazione, che possa rilasciarvi apposita ricevuta (cfr. Circ. Min. Interno nr. 557/PAS/U/012821/10900(27)9 del 28.07.2014, pag.  4, par. B, punto 1)).  

Avv. Adele Morelli

scuola armieri

Scuola armaioli

Il TIMA è un corso facoltativo di durata triennale di IPSIA Beretta nato per unire il percorso scolastico alle richieste che offre il settore armiero in Valle Trompia.

Approfondisci
banchi di prova

Banchi di prova

Tutte le armi da fuoco dei Paesi aderenti alla CIP sono soggette a collaudo ed a certificazione tramite l'impressione dei Marchi dei Banchi di Prova dei rispettivi Paesi.

Approfondisci
IWA 2020 - Annullata

IWA 2020 - Annullata

Ci arriva comunicazione ufficiale da parte della Fiera di Norimberga: IWA 2020 è stata annullata. N…

Leggi la news