Caccia in paese extra CEE, posso utilizzare la Carta Europea?

Sono un cittadino italiano titolare di licenza di caccia a cui è abbinata la Carta Europea con annotati fucili da caccia. Vorrei andare a caccia in un paese extra CEE, ho sentito dire che posso utilizzare la Carta Europea per uscire dall’Italia, è corretto?

Risposta a cura dell’Avv. Adele Morelli

Si conferma che, a seguito dell’entrata in vigore del D.M. 14.09.2016, è possibile esportare temporaneamente armi e munizioni (quindi trasferire verso un paese extra CEE) per ragioni di caccia (cfr. art. 7, commi 2 e 3, D.M. 14.09.2016, già Circolare M.I. 22 ottobre 2013 e quindi Circolare M.I. 1 dicembre 2016) utilizzando la Carta Europea di arma da fuoco. In ogni caso, è comunque necessario informarsi prima delle eventuali condizioni a cui il paese d’ingresso subordina l’importazione dell’arma e l’esercizio della caccia. La movimentazione avviene alle medesime condizioni sancite per i paesi UE ossia: il soggetto titolare di licenza di porto d’armi per uso caccia può trasferire temporaneamente un numero massimo di tre armi e 800 cartucce, a condizione che sia in grado di motivare le ragioni del viaggio (le finalità venatorie devono essere comprovate) e la durata complessiva del viaggio con l’arma al seguito non può superare i 90 giorni.

Risposta a cura dell’Avv. Adele Morelli

scuola armieri

Scuola armaioli

Il TIMA è un corso facoltativo di durata triennale di IPSIA Beretta nato per unire il percorso scolastico alle richieste che offre il settore armiero in Valle Trompia.

Approfondisci
banchi di prova

Banchi di prova

Tutte le armi da fuoco dei Paesi aderenti alla CIP sono soggette a collaudo ed a certificazione tramite l'impressione dei Marchi dei Banchi di Prova dei rispettivi Paesi.

Approfondisci
Bruno Modugno

Bruno Modugno

Oggi è mancato un caro amico, Bruno Modugno. Lo ricorderemo tutti come un vero gentiluomo d'altri t…

Leggi la news